Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Privacy policy
Seguici su
cerca

Donazione organi: la vita dentro la vita

23 luglio 2021

Donazione organi

La donazione degli organi è un atto gratuito, anonimo e solidale che può aiutare una persona gravemente malata a sopravvivere e/o migliorare sostanzialmente la sua qualità di vita.

Data di Pubblicazione

23 luglio 2021

Argomenti

Cos'è la donazione

La donazione di organi, tessuti e cellule è un atto volontario, consapevole, informato, cosciente, etico, solidale, anonimo, gratuito.
Avviene in completa garanzia del rispetto della privacy sia del donatore sia del ricevente.
È perciò un dono a persone malate sconosciute che non potranno mai ringraziare personalmente il loro anonimo donatore o i suoi familiari.

Perché donare gli organi

Decidere di donare i propri organi dopo la morte è un gesto di grande generosità. Così facendo si dona ad un paziente, spesso in fin di vita, la possibilità di guarire e riprendere una vita normale.

Senza donazione non c’è trapianto: la disponibilità di organi, tessuti e cellule dipende esclusivamente dall’altruismo dei donatori.

Quali organi e tessuti è possibile donare?

ORGANI: cuore, reni, fegato, polmoni, pancreas e intestino. TESSUTI: pelle, ossa , tendini, cartilagine, cornee, valvole cardiache e vasi sanguigni. Un donatore unico può, quindi, aiutare più pazienti.

Dichiarazione di volontà

A tutti i cittadini maggiorenni è dunque offerta la possibilità di dichiarare la propria volontà (consenso o diniego) in materia di donazione di organi e tessuti dopo la morte in uno dei seguenti modi:

- all'Anagrafe del Comune, al momento del rilascio della carta di identità

- In uno degli sportelli di riferimento della tua ASL.

- Iscrivendoti all’Aido.

- Compilando il tesserino blu del Ministero della Salute.

- Scrivendo di tuo pugno una dichiarazione su un foglio bianco