Questo è il caso del successo virale dei Pinocchio costruiti dall’artista Lino Monopoli, che ha avuto per anni il suo laboratorio a Ghiggeri, frazione di Varese ligure.

Dopo aver lavorato alla realizzazione di sculture ricavate da tronchi di castagno, è arrivata l’idea di realizzare Pinocchio con l’Arte Povera, che impone l’uso di materiale “povero”. Nella fattispecie col legno di vecchi mobili, sedie etc., in puro stile collodiano.

Lo sviluppo di questi ultimi mesi è stato l’affidare i Pinocchio ai viaggiatori italiani ed esteri, i quali se li portano in giro in tutto il mondo e li fotografano (e sono fotografati): da Parigi al Canada al Giappone alla Route 66… Un messaggio che funziona e si diffonde.

E’ questa la forza del personaggio di Pinocchio, nella sua semplicità descrive in modo inequivocabile il cammino dell’individuo dalla sua nascita, l’adolescenza e lo sviluppo fino alla piena maturità, come metafora della vita nella ricerca di se stessi. L’idea è di “viaggiare o vagabondare” insieme ai Pinocchi realizzati da Lino Monopoli affidandoli ad artisti e viaggiatori, per creare un percorso comune di ricerca e narrazione.

La mostra che sarà inaugurata dal Sindaco Massimo Gazza, vedrà la presenza dello scultore Lino Monopoli accompagnato da uno dei suoi artisti che in live painting ci regalerà un altro Pinocchio da aggiungere all’esposizione….
Vi aspettiamo!

Giorgia Bia

Inaugurazione il 23 maggio alle ore 17.00  presso la Cattedrale sul Po – Via Argine Cisa 11.

pinocchio_giramondo